Buracchi Ultimo a Monte Carlo Gastronomie: storia di un inaspettato successo!

Vi confesso che prima di partire per Monte Carlo Gastronomie ero terrorizzata: nonostante i molti anni passati a seguire mio padre e mia madre per fiere internazionali che mi hanno portata in giro per l’Europa e gli U.S.A., questa era la mia prima volta da sola. 

Da sola a presentare Ultimo, un progetto partito da me, seguito da me e che all’inizio sembrava presentare tutti i crismi di una sfida più grande di noi. Ma soprattutto sola per la prima volta ad una fiera che prevedeva la vendita sul posto, in un luogo dove la competizione sul packaging e sul format non è proprio semplice da affrontare, vista l’abitudine dei francesi (e dei monegaschi ancor di più) a confezioni curate in ogni dettaglio, ad ensemble perfetti in ogni sua forma ed a presentazioni complete in ogni proprio aspetto.

Meno male che ho potuto contare su Luca: “perchè – ci siamo detti circa un mese prima di partire – non coniugare Ultimo, che come Vino Nobile è un simbolo della Toscana, con altri prodotti icona della Toscana nel mondo? Perchè non portare ciò che di più semplice esiste in Toscana: la merenda a base di salumi, pane e pecorino, ad un pubblico raffinato ed attento al gusto come quello monegasco?” E così è nata la merenda toscana, proprio sulle tracce di quello che è il progetto che ci unisce nella vita e nel lavoro, ItalyzeMe: un calice di buon Vino Nobile di Montepulciano, due fette di Pane Toscano DOP, Finocchiona IGP e Pecorino Toscano DOP. Tutto rigorosamente selezionato e studiato per esaltare ciascun prodotto e far immergere i nostri ospiti in un clima tipicamente toscano!

Così ci siamo attivati per coinvolgere i rispettivi Consorzi di Tutela, che ci hanno aiutati a reperire prodotti a marchio DOP e IGP tra i propri associati e siamo partiti, io e Luca verso il Principato di Monaco. Proprio come in un viaggio della coppia di ItalyzeMe. Questa volta per far conoscere ai monegaschi i migliori prodotti toscani a Marchio di Origine e raccontare le storie più belle del nostro territorio.

La merenda toscana che abbiamo proposto a Monte Carlo Gastronomie in abbinamento al nostro Ultimo, Vino Nobile di Montepulciano

La merenda toscana che abbiamo proposto a Monte Carlo Gastronomie in abbinamento al nostro Ultimo, Vino Nobile di Montepulciano

C’era il Vino Nobile di Montepulciano, il nostro Ultimo 2013 assieme al 2014, che racconta la storia di una famiglia della Toscana più autentica ed il suo legame col territorio di Montepulciano.

C’era il Pane Toscano DOP non salato, per esaltare il gusto di ogni ingrediente e raccontare un passato fatto di egemonie cittadine e rivalità comunali in nome del sale, prodotto tanto prezioso quanto fonte di lotte sanguinose e ricatti tra popoli.

C’era la Finocchiona IGP, un morso di Toscana verace, col suo impasto affascinante di carni scelte, in cui entrano l’aglio, il pepe, il sale ed il fiore di Finocchio selvatico a renderla un prodotto davvero unico, simbolo di una Toscana autentica. 

C’era il Pecorino Toscano DOP fresco, delicato con quel suo sapore di latte e di erbe. Lo abbiamo portato con noi anche nella versione semi-stagionata, ricco di sapidità e dal gusto pieno. Ottimale per sostenere vini invecchiati dalla struttura già ben definita. Nel paniere dei prodotti toscani avevamo anche un Pecorino toscano delattosato, davvero speciale per chi presenta intolleranze al lattosio. Il processo di produzione ha interessato moltissimo gli ospiti che lo hanno assaggiato: durante la produzione di questo formaggio viene introdotta la lattasi, un enzima in grado di scindere il lattosio nei suoi due componenti glucosio e galattosio, zuccheri semplici e più digeribili. Questa scissione non modifica in nessun modo nè le procedure nè gli ingredienti abituali per la produzione del Pecorino toscano, che solo al gusto può risultare appena un po’ più dolciastro ed incredibilmente leggero. 

Una galleria di immagini del nostro stand a Monte Carlo Gastronomie

Una galleria di immagini del nostro stand a Monte Carlo Gastronomie

E per finire (o per cominciare a seconda dei punti di vista!) avevamo con noi una chicca: il tronchetto di Porchetta di Monte San Savino cotta a legna. Tutta “colpa” del presidente del Consorzio della Finocchiona IGP, il produttore Alessandro Iacomoni della Salumeria di Monte San Savino, che ha così tanto insistito affinchè ci fidassimo e portassimo con noi il tronchetto che alla fine ci siamo fidati davvero. E non potevamo far scelta migliore: il tronchetto di Porchetta ha fatto davvero furore, facendo impazzire letteralmente gli ospiti del nostro stand, che si sono affollati per gustarsi un calice di Ultimo assieme ad un panino caldo con la Porchetta! Merito della sua incredibile scioglievolezza e della croccantezza perfetta della crosta, che ha mantenuto inalterate le sue caratteristiche per 4 giorni, esaltando alla perfezione anche il nostro Ultimo! Una scelta che si è rivelata straordinaria! Merito anche della maestria nella cottura dei tronchetti, che ti raccontiamo meglio qui, assieme a qualche consiglio di degustazione: chi l’ha detto che non si possono abbinare vino e Porchetta?

Altri dettagli del nostro stand Ultimo Buracchi alla manifestazione Monte-Carlo Gastronomie

Altri dettagli del nostro stand Ultimo Buracchi alla manifestazione Monte-Carlo Gastronomie

L’idea della merenda toscana si è rivelata vincente su tutta la linea: gli ospiti hanno potuto gustare un pezzo di Toscana attraverso la nostra proposta di degustazione. Li abbiamo condotti attraverso un percorso che ha permesso loro di apprezzare le caratteristiche organolettiche di entrambe le annate di Ultimo, ciascuna attraverso un abbinamento: se la struttura e quella fermezza dovuta all’invecchiamento di Ultimo 2013 è riuscita a valorizzarsi al meglio con un prodotto aromatico e saporito come la Porchetta; Ultimo 2014, dal Sangiovese ancora ruggente si è sposato meravigliosamente al Pecorino Toscano DOP, che col suo intenso sapore di latte e la sua consistenza pastosa, ha smorzato un tannino ancora prepotente in un vino così giovane. Ad ultimare il tutto la Finocchiona IGP, l’ingrediente che rimane incollato nella mente di chiunque lo assaggi a causa dei suoi persistenti ingredienti, aromatici e profumati. E come compagno inseparabile delle merende il nostro Pane Toscano DOP non salato, una certezza per esaltare ciascun ingrediente.

É anche grazie a questo trionfo di sapori che ci siamo aggiudicati il Gran Prix du Salon Monte-Carlo Gastronomie nella categoria Sommellerie: un connubio di gusto e di veracità toscana da abbinare al nostro Vino Nobile di Montepulciano.

Evviva, che onore e che grande gratificazione al nostro lavoro!

Il Gran Prix Monte Carlo Gastronomie, categoria Sommellerie

Il Gran Prix Monte Carlo Gastronomie, categoria Sommellerie

Tags:
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

CONTATTACI

Contattaci e saremo felici di poterti rispondere al più presto!

Sending

©2020 Az. Agr. Buracchi di Marco Buracchi • P.IVA: 00924140528

made with ♥︎ by ItalyAddicted Communication

Log in with your credentials

Forgot your details?