Quali vini si producono in Repubblica Ceca: breve viaggio nella viticoltura ceca

Repubblica Ceca terra della birra? Non più soltanto la celebre “pivo”. Oggi qui si producono vini degni di attenzione a livello internazionale. Ne abbiamo assaggiati alcuni in occasione di Wine Prague.

Vigneti a picco sulla città di Praga e intere colline vitate che scandiscono il paesaggio verdeggiante della Moravia meridionale. Vini rossi freschi di buona bevibilità, non molto strutturati ma per nulla banali. Bianchi particolari, spesso dall’intrigante bouquet aromatico e dalle spiccate note minerali. É quanto offre oggi la Repubblica Ceca in termini di vino, merito di un suolo variegato quanto unico al mondo e di una passione antica nella quale abbiamo iniziato ad addentrarci con alcuni assaggi durante le (ahimè) poche pause dalla fiera Wine Prague a Praga, alla quale abbiamo partecipato con il nostro “Ultimo”.

Pozdni Sbér, Wine Prague, Czech Republic

Viticoltura ceca: una antica passione

La viticoltura in Repubblica Ceca ha radici profonde duemila anni. Dai Celti ai Romani, passando per un Medioevo fatto di Abbazie: anche se siamo abituati a pensare a Praga quasi esclusivamente come capitale della birra (difficilissimo poter dire di aver bevuto pessima birra in qualsiasi locale della città), la storia della Repubblica Ceca fa annusare un passato di grande e profonda passione per la viticoltura.

Capitelli, statue, affreschi, monete e sigilli sono le migliori tracce di un passato dove monaci e signori erano dediti alla coltivazione della vite. Un passato che ha saputo lambire i confini del XX secolo quando la fine del regime totalitario ha restituito ai privati terreni per costituire piccole e medie proprietà vitivinicole dove gli investimenti, l’applicazione di nuove tecniche e tecnologie danno oggi la possibilità di produrre vini sempre più apprezzati, in patria e all’estero.

La storia della viticoltura ceca si dipana quasi interamente tra i filari del Sud del Paese, nelle regioni della Moravia e della Boemia, dove si concentra la maggior parte della produzione di vino nazionale. Qui ogni anno il calendario è allietato dalle numerose feste dedicate al vino ed all’uva che rendono queste colline perfette per un wine tour all’insegna della cultura locale e dell’allegria.

La superficie vitata complessiva in Repubblica Ceca si aggira sui 11.155 ettari, principalmente occupati da vitigni a bacca bianca. Tra le varietà più diffuse spiccano Veltlin Verde, Müller Thurgau, Riesling Italico ma anche Renano, Pinot Bianco e Pinot Grigio, Neuburg, Traminer, Sauvignon, Chardonnay, Moscato di Moravia. Tra quelli a bacca rossa abbiamo Pinot Nero, St. Laurent, Limberger (conosciuto anche come “Nero di Franconia” o, in Repubblica Ceca, “Frankovka”), Zweigelt, André e Oporto.

 

Czech wines, Wine Prague, Czech Republic

La Moravia meridionale e le sue importanti regioni vitivinicole

Piccoli borghi dai colori sgargianti, le forme morbide dei tetti arrotondati dei castelli e le guglie affusolate delle chiese, dolci colline accarezzate dal vento e laghi lucenti in cui si specchia il verde dei filari. É il paesaggio della Moravia, divisa in 4 sottozone vitivinicole: Znojmo, Mikulov, Velke Pavlovice e Slovacko.

Znojmo è la più occidentale del paese, al confine con l’Austria. Sole caldo e venti freddi sono le caratteristiche che qui forniscono vini bianchi particolarmente interessanti e suadenti come il Sauvignon, il Riesling Renano ed il Müller Thurgau. Uno su tutti ci ha conquistato: quel Veltlínské Zelené (da noi conosciuto come “Veltlin Verde”) già particolarmente amato alla corte di Vienna per la sua leggiadria ed assieme ricchezza di profumi e per la sua eleganza, flebile rispetto ad altri vini bianchi più blasonati ma sinceramente apprezzabile al palato. Da sperimentare anche i Sauvignon, il Riesling Renano ed il Müller Thurgau provenienti da questa regione.

Speroni di roccia calcarea, zone umide, architetture insolite e foreste sono invece le principali caratteristiche di Mikulov, regione situata a cavallo tra Austria e Slovacchia, ogni anno teatro del Salone del Vino della Repubblica Ceca che si tiene nella cittadina vinicola di Valtice. Qui la grande varietà di terroirs permette di coltivare vitigni bianchi: Riesling, Traminer, Sauvignon e Chardonnay ma anche Veltlin Verde, Neuburg, Sylvaner Verde e Palava che danno vini intriganti al naso e di buona beva, e rossi semplici ma non banali tra cui Pinot Nero, St. Laurent, Limberger ed i più recenti Cabernet Sauvignon e Merlot, piantati forse per l’esigenza di dar maggior struttura a vitigni che in certe annate potrebbero eccessivamente risentire della mancanza di calore.

Un’isola baciata dal sole è invece la zona di Velke Pavlovice, la più famosa per la produzione di rossi. I suoli argillosi della parte meridionale si adattano perfettamente alla coltivazione del rosso Limberger mentre al nord, attorno a Hrusovany e Zabcice, là dove il suolo è sabbioso, si ottengono vini bianchi dagli intriganti profumi da vitigni di Veltlin Verde, Pinot Grigio, il dolce Palava – che ci ha sorpresi con un assaggio di formaggi locali – ed il Moscato di Moravia.

Infine la zona a ridosso della Slovacchia, la sottozona di Slovacko dove la parola “vino” oggi più che mai evoca l’allegria e la spensieratezza delle feste popolari che si tengono nella miriade di pittoreschi villaggi vinicoli disseminati tra le pendici dei Monti Chriby e le colline dei Carpazi: un viaggio nel folklore e nella tradizione sempre più ambito dai turisti che cominciano ad affluire numerosi tra i bianchi filari di Pinot Bianco e Grigio, Riesling Renano, Müller Thurgau, Moscato di Moravia (Muškát Moravský) e tra i rossi il Frankovka/Limberger, lo Zweigelt ed il raro Cabernet di Moravia.

 

 

Due occasioni per assaggiare i vini della Repubblica Ceca

Due le maggiori occasioni annuali per concentrare tutte le sfumature della Repubblica Ceca vitivinicola: la prima è il celebre Salone del Vino della Repubblica Ceca, che si tiene continuativamente per tutto l’anno nel Castello della cittadina vinicola di Valtice (Mikulov, Moravia). Il Salone altro non è che la finale in chiave degustativa (!) di una prestigiosa competizione nazionale che ogni anno premia i migliori 100 vini cechi suddivisi in precise categorie e ne incorona i rispettivi vincitori. L’altro appuntamento è la fiera internazionale Wine Prague che si tiene l’ultima settimana di maggio a Praga e raccoglie alcune delle migliori produzioni viticole nazionali organizzate in Consorzi di tutela ma anche i principali distributori di vino e distillati della città e del Paese. Un tripudio di degustazioni e d’allegria negli stand della Hall 1, dove vini, distillati ed altri prodotti della Repubblica Ceca incontrano altri grandi vini italiani, francesi, rumeni, spagnoli, portoghesi. 

Tags:
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

CONTATTACI

Contattaci e saremo felici di poterti rispondere al più presto!

Sending

©2020 Az. Agr. Buracchi di Marco Buracchi • P.IVA: 00924140528

made with ♥︎ by ItalyAddicted Communication

Log in with your credentials

Forgot your details?